+90-548-875-8000
giovedì 25 luglio 2024

Fallimenti della fecondazione in vitro

Fallimenti della fecondazione in vitro e ulteriori test

Cosa fare dopo un ciclo di fecondazione in vitro fallito?

Fallimenti della fecondazione in vitro e ulteriori test Una delle situazioni più deprimenti che un paziente con fecondazione in vitro può sperimentare è un test di gravidanza negativo dopo aver attraversato un periodo stressante di trattamento. Un trattamento di fecondazione in vitro è un investimento finanziario ed emotivo, e se si traduce in un esito negativo, c'è un periodo di intense emozioni. Sebbene lo scopo di qualsiasi trattamento per la fertilità sia ottenere un risultato positivo, è anche importante accettare che alcuni trattamenti potrebbero fallire. Di fronte a un fallimento, è facile perdersi nelle emozioni e avere pensieri negativi travolgenti. Tuttavia, una cosa importante da tenere a mente è che a volte, dopo un ciclo di fecondazione in vitro fallito, potrebbe essere possibile trovare indizi che porteranno a un trattamento più efficace in seguito. Mentre il test di infertilità fornisce un quadro molto buono del tuo stato di fertilità, potrebbe non prevedere sempre con successo come le tue ovaie risponderanno a determinati farmaci o come risulterà la qualità delle uova. Un ciclo di fecondazione in vitro fallito, sebbene deprimente, può fornire informazioni estremamente utili al tuo specialista di fecondazione in vitro come la risposta ovarica, la qualità degli ovuli, i tassi di fecondazione e la qualità dell'embrione. Sulla base di queste caratteristiche osservate, un ciclo futuro può essere pianificato in modo più approfondito nel tentativo di correggere i problemi che potrebbero spiegare perché il trattamento potrebbe aver fallito.

Dopo un ciclo di fecondazione in vitro fallito, sarà importante che il tuo specialista in fecondazione in vitro esamini il tuo file e correli i risultati dei test precedenti con i dettagli del ciclo fallito. Sarà essenziale vedere se i risultati del ciclo misurati erano in linea con la valutazione dell'infertilità pre-ciclo. Se le aspettative pre-ciclo non sono state soddisfatte con i risultati del ciclo misurati (come numero di ovuli, qualità degli ovuli, qualità dello sperma, tassi di fecondazione, tassi di formazione di embrioni di scissione, tassi di formazione di embrioni di blastocisti), lo specialista della fecondazione in vitro potrebbe richiedere test aggiuntivi per poter spiegare la discrepanza. A volte, il risultato potrebbe non essere correlato alle aspettative non a causa di un altro problema, ma semplicemente perché le tue ovaie potrebbero rispondere più lentamente della media. In ogni caso, è importante rivedere attentamente i dettagli del tuo ciclo per trarre una conclusione che ti aiuterà a migliorare le tue possibilità di successo al prossimo tentativo.

Abbiamo avuto pazienti che hanno raggiunto una gravidanza al loro primo ciclo di fecondazione in vitro e abbiamo visto pazienti raggiungere una gravidanza al loro quinto ciclo! Sebbene sia snervante passare attraverso un ciclo di fecondazione in vitro fallito dopo l'altro, questa è un'esperienza davvero unica e personale per ogni singolo paziente ed è probabile che l'esperienza di due pazienti non sia identica. Capiamo come un ciclo di fecondazione in vitro può fallire e cosa si può fare diversamente dopo un ciclo fallito.

Qual è il motivo del fallimento della fecondazione in vitro?

In tali casi, quando il problema riguarda il conteggio o la qualità delle uova, il protocollo di trattamento può essere modificato e può essere adottato un approccio più aggressivo per massimizzare la risposta ovarica. A seconda della fascia di età della paziente, della funzione ovarica e della natura del problema specifico, diversi approcci possono includere:

– Modificare la dose del farmaco nel tentativo di aumentare il numero di ovuli da ottenere in un ciclo successivo. Se la risposta ovarica è stata inferiore al previsto, può essere somministrata una dose maggiore di farmaco per la stimolazione ovarica.

– Cambiare del tutto il protocollo di iperstimolazione ovarica. A volte, nelle donne con basse riserve ovariche, l'utilizzo di un protocollo con agonisti lunghi può sopprimere le ovaie più del previsto e ridurre la risposta alla stimolazione ovarica con gonadotropine. Per evitare ciò, potrebbe avere senso passare a un protocollo antagonista in cui non vi è alcuna down-regulation. (Per saperne di più sui diversi protocolli di fecondazione in vitro e su come funzionano, fare riferimento a scegliere il giusto metodo di trattamento pagina del nostro sito web).

– Considerare modalità di trattamento alternative. Se le riserve ovariche sono molto esaurite e non è probabile che la modifica del dosaggio del farmaco o del protocollo porti a risultati più favorevoli, è possibile prendere in considerazione diversi approcci terapeutici. Questi possono includere:

Trattamento PRP ovarico: Dove le ovaie del paziente vengono iniettate con il proprio PRP per stimolare la linea di cellule staminali e avviare la rigenerazione cellulare. Sebbene sia ancora esplorato a livello sperimentale, abbiamo raggiunto il successo con molti pazienti utilizzando l'applicazione di PRP ovarico.

Utilizzando il trasferimento di fecondazione in vitro citoplasmatica: dove una donatrice di ovociti viene utilizzata per il citoplasma del suo uovo. Il citoplasma giovane e sano proveniente da una giovane donatrice di ovuli può fornire un ospite migliore per gli ovociti della paziente e consentire tassi di fecondazione migliori.

Utilizzo di ovociti donati: Se i pazienti hanno attraversato una serie di cicli falliti e non vogliono perdere tempo con trattamenti sperimentali, allora la migliore alternativa successiva sarebbe quella di optare per ovociti donati.

Quando il problema si trova sul lato dello sperma, è possibile utilizzare farmaci supplementari per aiutare con la spermatogenesi. In totale azoospermia, quindi estrazione chirurgica degli spermatozoi metodi possono essere una soluzione se l'azoospermia è stata diagnosticata come ostruttiva. In caso di azoospermia non ostruttiva, la nostra clinica utilizza terapia rigenerativa con cellule staminali come sperimentazione clinica per i pazienti che esplorano ulteriori opzioni per poter utilizzare il proprio campione di sperma. Nei casi in cui i pazienti decidono di utilizzare un donatore di sperma, siamo in grado di offrire sperma del donatore durante i loro cicli di fecondazione in vitro.

Fallimento totale della fecondazione: Nessuno degli ovuli viene fecondato dal campione di sperma e non ci sono embrioni disponibili per un trasferimento di embrioni. Anche se questo è un fenomeno piuttosto raro, può essere causato da problemi legati allo sperma o agli ovuli. Un totale fallimento della fertilizzazione (TFF) porterà a un ciclo annullato. TFF in un ciclo di fecondazione in vitro potrebbe non significare necessariamente che il ciclo successivo avrà un risultato simile. Tuttavia, è importante capire perché le uova potrebbero non essere state fecondate con il campione di sperma. Nella maggior parte dei casi, un TFF è attribuito agli ovociti o agli spermatozoi. Uno dei casi più comuni in cui si osserva TFF è quando si utilizzano spermatozoi immaturi di scarsa qualità ottenuti tramite metodi chirurgici di estrazione dello sperma quando il partner maschile soffre di azoospermia ostruttiva.

Impianto fallito: Nonostante i normali parametri degli ovociti e degli spermatozoi, alcuni pazienti possono sottoporsi a molti cicli di fecondazione in vitro senza esito positivo. Questo è solitamente etichettato come "infertilità inspiegabile". Quando si tratta di infertilità inspiegabile, saranno necessari alcuni test aggiuntivi per capire se ulteriori misure precauzionali durante il trattamento di fecondazione in vitro possono aiutare ad aumentare le possibilità di impianto.

I soliti sospetti dietro i fallimenti della fecondazione in vitro sono spesso le uova e lo sperma. Queste sono le prime cose che vengono in mente quando uno specialista in fecondazione in vitro cerca una ragione dietro un ciclo fallito. Commentare la qualità degli ovuli e dello sperma è relativamente più facile rispetto a molti altri fattori poiché ci sono test approfonditi che possono essere somministrati per rilevare i problemi relativi agli ovuli e allo sperma. Se un paziente ha subito una serie di tentativi di fecondazione in vitro e i test standard indicano parametri normali, il passo successivo sarà quello di sottoporsi a una serie di test di infertilità avanzati. Questi includono:

– Un'analisi del cariotipo, che è un'analisi cromosomica del paziente maschio e femmina per rilevare eventuali problemi genetici. Ci sono difetti cromosomici che potrebbero non presentare alcun sintomo e non saranno evidenti fino a quando non sarà stata eseguita un'analisi del cariotipo. I problemi cromosomici più comuni che possono compromettere la capacità di una persona di riprodursi senza che siano presenti sintomi sono le traslocazioni reciproche. Se questo è il caso, Screening genetico preimpianto perché gli embrioni spesso risolveranno il problema e permetteranno ai pazienti di avere un bambino sano.

– Test avanzati sullo sperma (se vi sono ragioni sufficienti per ritenere che il mancato sviluppo dell'embrione o il fallimento dell'impianto possa essere attribuito a problemi al DNA dello sperma). Ora, il North Cyprus IVF Center è una delle pochissime cliniche al mondo in grado di offrire la separazione dello sperma basata sull'integrità del DNA attraverso una scoperta rivoluzionaria chiamata "Chip microfluidico“.

– Test uterini avanzati per rilevare possibili problemi con l'utero che potrebbero non essere visibili durante un'ecografia transvaginale standard. Ciò può includere un'isteroscopia o un'isterosalpingografia (HSG). La ricerca e le prove cliniche indicano che la ricettività endometriale può essere assistita attraverso l'uso di messaggeri chimici. Al North Cyprus IVF Center utilizziamo Neupogen, un ricombinante del fattore stimolante le colonie di granulociti (G-CSF). La ricerca e il lavoro clinico hanno fornito prove significative del fatto che embrioni vitali e placenta più sana esprimono livelli più elevati di G-CSF e questo livello più elevato è stato associato a un migliore impianto dell'embrione e a un maggiore successo della fecondazione in vitro. L'uso di neupogen come lavaggio endometriale e un'iniezione sub-Q a determinati intervalli di tempo durante un ciclo di fecondazione in vitro hanno mostrato un notevole miglioramento sia della ricettività endometriale che dei tassi di gravidanza in corso. Nella nostra pratica, abbiamo osservato risultati simili e abbiamo incorporato neupogen come parte di tutti i pazienti con ripetuti fallimenti della fecondazione in vitro.

Altre possibili considerazioni possono essere elencate come segue:

Infezione uterina
L'interno della cavità uterina è normalmente considerato un ambiente sterile. È stato fortemente sospettato che l'infezione della cavità uterina con batteri possa causare un ambiente inospitale che porterebbe al fallimento dell'impianto degli embrioni. Nei casi in cui vi è motivo di sospettare un'infezione uterina, può essere richiesta una procedura di biopsia endometriale per effettuare una valutazione efficace. Normalmente, le infezioni possono essere trattate con l'uso di antibiotici. Ci sono anche altre malattie infettive che possono essere prese in considerazione durante questa indagine come CMV IgG, Chlamydia e altro.

Fattori immunitari come causa di fallimento dell'impianto di fecondazione in vitro
Il sistema immunitario è progettato per proteggere le persone dall'infezione da microrganismi e per combattere processi anormali nel corpo come il cancro. Nelle aree della fecondazione in vitro, dell'infertilità e dell'aborto ricorrente, sono state condotte numerose indagini sul ruolo dei fattori immunitari nel processo di impianto degli embrioni. In alcuni casi, si ritiene che il sistema immunitario veda l'embrione come un oggetto estraneo e rifiuti il suo impianto.

Trombofilie
Le trombofilie sono condizioni che si traducono in una maggiore possibilità di coagulazione del sangue. Ci sono stati molti studi che mostrano un'associazione tra la presenza di trombofilia nelle donne e il rischio di aborto spontaneo. Alcuni studi indicano anche che le trombofilie possono anche essere associate a fallimenti di impianto. La torombofilia è una condizione che crea uno stato di ipercoaguabilità che porta alla trombosi (coagulazione del sangue) nel sito di impianto dell'embrione, causando un fallimento dell'impianto.

Questo non è un elenco completo di ciò che potrebbe causare i fallimenti della fecondazione in vitro, tuttavia, sono i principali fattori che contribuiscono. Per una migliore valutazione, il tuo caso dovrà essere analizzato con tutti gli aspetti inclusi perché ogni paziente richiederà un approccio diverso.

Contattaci per maggiori informazioni, utilizzando il modulo di contatto presente in questa pagina o sul ns pagina dei contatti.


it_ITItalian