+90-548-882-8000
+90-548-875-8000
giovedì, Aprile 25, 2024

Test

Test e gestione dell'infertilità

Se stai pianificando di sottoporti a un trattamento di fecondazione in vitro, indipendentemente dal tipo di trattamento a cui ti stai sottoponendo, tu e il tuo partner dovrete sottoporvi a una serie di test in modo da poter effettuare una valutazione accurata in merito ai vostri livelli di fertilità, che in turn aiuta il tuo specialista in fecondazione in vitro a progettare un protocollo di trattamento adeguato volto a massimizzare il successo del tuo trattamento.

I test di infertilità possono essere molto confusi. Se hai fatto i compiti e hai fatto ricerche sui test di infertilità, devi esserti imbattuto in mille test diversi e sul significato di ciascuno di questi test. Questo perché Internet potrebbe non fornirti sempre risposte personalizzate alle tue domande e i risultati che ottieni potrebbero non essere sempre filtrati per soddisfare le tue esigenze specifiche. A tal fine, abbiamo cercato di rendere le cose molto più semplici suddividendo i test e la valutazione dell'infertilità in una serie di scenari alternativi:

Scenario 1: Se siete una coppia eterosessuale che intende utilizzare i propri ovuli e il proprio sperma durante un ciclo di fecondazione in vitro, e non avete avuto precedenti test di infertilità e/o screening, allora i test e lo screening di seguito sono il primo passo necessario prima che possa essere progettato un protocollo di trattamento per soddisfare le vostre esigenze specifiche:

  • Test della riserva ovarica. Per valutare le riserve ovariche di una paziente vengono utilizzati numerosi test. Questi includono test ormonali come test FSH, LH, estradiolo, prolattina, TSH e AMH. Non tutti questi test hanno lo scopo di misurare il tuo livello di riserva ovarica, ma tutti misurano fattori strettamente correlati. Oltre ai test ormonali, ti verrà chiesto di sottoporti a un'ecografia transvaginale per la valutazione ovarica e uterina. Il numero di follicoli antrali in ciascuna ovaia consentirà al medico di conoscere le riserve ovariche, se abbinato ai livelli ormonali.
  •  
  • Analisi del seme. Un'analisi del seme è una parte importante di qualsiasi controllo dell'infertilità. Un'analisi del seme aiuta a valutare la qualità di un campione di sperma rispetto a parametri chiave tra cui il volume dello sperma, la concentrazione (conta) per ml, la motilità, la morfologia, il pH e la conta delle cellule rotonde. Sebbene il test dello sperma sia talvolta considerato meno importante rispetto allo screening femminile, è necessario tenere presente che circa un terzo di tutti i casi di infertilità è il risultato di problemi allo sperma, che nella maggior parte dei casi possono essere prevenuti.
  •  
  • Screening delle malattie infettive. Tu e il tuo partner verrete entrambi sottoposti a screening per le malattie infettive. Questi test devono essere eseguiti presso il nostro laboratorio a causa dei nostri protocolli di sicurezza di alto livello. Lo scopo di questi test è duplice. Uno è assicurarci di non esporre la tua prole a una malattia infettiva nota. Il secondo, molto importante per un laboratorio di fecondazione in vitro, è proteggere il nostro laboratorio dalla contaminazione incrociata con agenti patogeni trasmessi per via ematica che possono esporre gameti ed embrioni a un ulteriore rischio di contaminazione.
  •  
  • Pratica (finto) trasferimento di embrioni. Verrà eseguito un finto test di trasferimento prima dell'effettivo trasferimento dell'embrione al fine di determinare la profondità della cavità uterina e identificare la tecnica più ottimale per posizionare gli embrioni nell'utero per il massimo successo.
  •  

Scenario 2: In questo scenario, abbiamo coppie eterosessuali che hanno effettuato il test iniziale in cui i risultati del test non hanno indicato un problema specifico e probabilmente hanno subito uno o due cicli di trattamenti per la fertilità. In questo caso, avremo bisogno di ulteriori indagini oltre al test di infertilità di base. Sulla base dei problemi o della mancanza di problemi, che possono essere stati osservati durante il test iniziale, saranno indagati i seguenti:

– Un'isterosalpingografia (HSG) per un'indagine approfondita delle tube e dell'utero della compagna.
– Screening delle malattie infettive per entrambi i partner, tra cui Toxoplasmosi, CMV e Chlamydia per la partner femminile. A volte una piccola infezione può indurre il tuo corpo a rifiutare l'impianto dell'embrione e quindi impedirti di rimanere incinta. Una breve cura dell'antibioterapia a volte può essere una soluzione a un problema di infertilità a lungo sofferto.
– Un'analisi del cariotipo per il test cromosomico. Se uno dei partner soffre di un cariotipo anormale, un problema genetico può essere trasferito alla prole. La natura e la gravità del problema saranno indicative del tipo di misure da adottare.

Questi test sono aggiuntivi rispetto ai test di infertilità standard nello scenario 1. Alcuni di questi test non saranno necessari se non si prevede di utilizzare i propri ovuli o spermatozoi durante il trattamento di fecondazione in vitro, tuttavia, anche se i propri ovuli e il proprio sperma non essere utilizzato, dovrai comunque sottoporti a test per assicurarti che non ci siano altri problemi che possono interferire con una gravidanza di successo.

Scenario 3: Per le coppie eterosessuali con ripetuti fallimenti della fecondazione in vitro e/o ripetuti aborti spontanei, oltre ai test menzionati sopra nel secnario 1, saranno necessari ulteriori test. Il test della trombofilia femminile è un test comune somministrato a questo gruppo di pazienti. I difetti della trombofilia possono potenzialmente causare problemi di coagulazione del sangue, in cui i coaguli di sangue possono entrare nella circolazione placentare e fermare il cuore del bambino, provocando quindi un aborto spontaneo. Difetti di trombofilia sono stati identificati anche con fallimenti di impianto. Pertanto, se hai sofferto di aborti ricorrenti o fallimenti inspiegabili della fecondazione in vitro, il test della trombofilia è sempre un must. Oltre al test della trombofila, è possibile ordinare altri test, inclusi test per rilevare la presenza di cellule killer naturali o qualsiasi altro problema immunologico. Con questo gruppo di pazienti, la nostra clinica utilizza il fattore stimolante le colonie di granulociti (GCSR) prima di un trasferimento embrionale al fine di migliorare le possibilità di impianto dell'embrione. Questa applicazione si è dimostrata vincente con i pazienti che soffrono di ripetuti fallimenti della fecondazione in vitro.

Scenario 4: Per i pazienti che optano per il trattamento di fecondazione in vitro utilizzando ovuli o embrioni di donatore (ovuli di donatore + sperma di donatore), alcuni dei test non saranno richiesti. Se stai usando ovuli di donatore durante il tuo ciclo di fecondazione in vitro, allora non è necessaria una valutazione completa della tua funzione ovarica (anche se c'è una buona possibilità che nel momento in cui hai deciso di usare ovuli di donatore, tu abbia subito un certo numero di cicli di fecondazione in vitro utilizzando i propri ovuli e quindi hanno già completato la maggior parte dei test sopra descritti). Nei casi in cui il trattamento verrà effettuato utilizzando il campione di sperma del partner maschile insieme agli ovuli di un donatore di ovuli, saranno necessari i seguenti test:

– Un'ecografia dovrà essere eseguita il giorno 2 o il giorno 3 del ciclo mestruale della partner femminile. Questo ecogramma sarà indicativo del numero di follicoli antrali (potenziali uova per l'ovulazione) e darà al tuo ginecologo la possibilità di osservare se ci sono problemi come cisti nelle ovaie o polipi/fibromi nell'utero/cervice che può eventualmente interferire con un processo di gravidanza di successo. Con questa valutazione, vedremo se saranno necessari ulteriori test e decideremo se e/o come pianificare la downregulation delle ovaie della paziente prima del ciclo di fecondazione in vitro.
– Sarà necessario eseguire un'analisi del seme per il partner maschile secondo i criteri dell'OMS 2010, come spiegato nella sezione "Infertilità maschile" sezione.
– Sarà effettuato anche lo screening delle malattie infettive delineato nello scenario 1.

Scenario 5: In questo scenario, abbiamo coppie gay che vogliono avere un figlio attraverso l'uso di una madre surrogata. In questo caso sono coinvolte due donne. Una donna per donare le sue uova per la creazione degli embrioni e una donna per portare la gravidanza per la coppia dello stesso sesso. Il test per il partner maschile che utilizza il suo campione di sperma per la procedura di fecondazione in vitro con la donatrice di ovociti sarà identico al processo di test delineato nello scenario 1. Avremo bisogno di un'indagine approfondita dei livelli ormonali e della funzione ovarica della donatrice di ovociti per valutare la sua idoneità a donare così come il suo screening delle malattie infettive. Anche l'analisi del seme del partner maschile sarà un'informazione importante durante la progettazione del trattamento. La madre surrogata, d'altra parte, verrebbe sottoposta a un'ecografia per una valutazione delle sue condizioni uterine (come delineato nello scenario 4), uno screening delle malattie infettive e alcuni test ormonali aggiuntivi per decidere come deve essere regolata prima del ciclo. Se non hai il tuo donatore di ovuli e surrogato, il nostro "Programma di maternità surrogata per coppie gay” può guidarti nel tuo viaggio verso la genitorialità.

***Con qualsiasi trattamento per la fertilità, chiediamo che sia il partner maschile che quello femminile vengano sottoposti a screening delle malattie infettive (test sulle malattie trasmissibili) prima della manipolazione di qualsiasi gamete. I test sulle malattie infettive saranno eseguiti presso il nostro laboratorio grazie al nostro elevato livello di sicurezza contro il rischio di contaminanti patogeni nei nostri laboratori. Ciò significa che i test sulle malattie infettive dei nostri laboratori non saranno accettati anche se potrebbero essere attuali. Questa è una rigida politica di laboratorio che mira a proteggere tutti i campioni dei nostri pazienti da possibili agenti patogeni che potrebbero essere introdotti attraverso campioni contaminati.

***Questa pagina non ha lo scopo di prescrivere un elenco completo dei test di infertilità. L'intenzione di questa pagina è di offrire una comprensione generale sui test di infertilità in diversi scenari clinici. Potremmo richiedere test diversi a seconda della tua storia unica di infertilità. Dovrebbe essere noto che ogni paziente è unico e dovrebbe essere trattato come tale. Una cosa che abbiamo ripetuto in diversi punti di questo sito Web è che "una prescrizione non va bene per tutti". È importante comprendere il ruolo dei test di infertilità quando si identifica il giusto corso di trattamento per ogni paziente. Un regime di trattamento che genera successo per un paziente potrebbe non farlo necessariamente per un altro paziente. Questo è il motivo principale per cui i nostri specialisti della fertilità presso il North Cyprus IVF Center chiederanno una revisione della tua storia di infertilità, nonché test e screening prima che il tuo trattamento possa essere formulato.

Interpretazione dei risultati del test di infertilità

Risultati del test di infertilità: cosa significano FSH, LH e AMH
Abbiamo ripetuto un aspetto chiave in tutto il nostro sito Web, ovvero il fatto che una singola prescrizione non va bene per tutti! Ogni paziente è unico ed è probabile che ogni paziente richieda un protocollo di trattamento personalizzato basato sulla propria storia di infertilità, storia di test di fertilità e/o trattamenti. Più informazioni abbiamo sulla tua storia di infertilità, più possiamo commentare le tue esigenze e requisiti specifici. Al North Cyprus IVF Centre, la nostra massima priorità è assicurarci che ogni paziente riceva cure personalizzate e che ogni protocollo di trattamento sia preparato con cura in base alle esigenze di ogni paziente.

Prima di poter formulare una strategia di trattamento efficace, è molto importante vedere alcuni risultati dei test che ci forniranno informazioni specifiche sui fattori alla base dell'infertilità. Possiamo analizzare ampiamente i test di fertilità in due categorie come test femminili e maschili:

Test di infertilità femminile
Il test di infertilità femminile inizia con una serie di test ormonali insieme a un sonogramma. Questo è molto spesso il primo passo nella valutazione della fertilità femminile a meno che non ci sia un motivo per iniziare le indagini altrove.

1- Test ormonali: Una delle informazioni più importanti quando si tratta di fertilità femminile è la valutazione ovarica. La valutazione ovarica si riferisce alla raccolta di informazioni sulle riserve ovariche della paziente e sulla sua probabile qualità degli ovociti. Gli ormoni correlati alla funzione riproduttiva della paziente sono i seguenti:

Ormone follicolo stimolante (FSH): Questo ormone specifico è prodotto dalla ghiandola pituitaria. L'ormone FSH stimola le cellule della granulosa presenti nelle ovaie e innesca la produzione di estrogeni. Livelli elevati di FSH indicano che l'approvvigionamento di ovuli (riserva ovarica) di una donna sta diminuendo o è diminuito, quindi l'ipofisi ne rilascia di più per compensare questa perdita. In genere, i livelli di FSH iniziano a salire naturalmente anni prima che una donna entri in menopausa e le donne in postmenopausa possono avere livelli di FSH compresi tra 25,8 e 134,8 mIU/ml.

Ormone luteinizzante (LH): L'ormone LH è prodotto anche dall'ipofisi. Nelle femmine, l'ovulazione dei follicoli maturi sull'ovaio è indotta da una grande esplosione di secrezione di LH, pertanto, l'ormone LH è responsabile della maturazione e della rottura finale dell'ovocita.

Estradiolo (E2): L'estradiolo è una forma dell'ormone estrogeno. Nelle donne, l'estradiolo viene prodotto nelle ovaie e nelle ghiandole surrenali. Viene prodotto anche nella placenta durante la gravidanza. L'estradiolo aiuta con la crescita degli organi sessuali femminili ed è anche indicativo della funzione ovarica di una donna.

Ormone stimolante la tiroide (TSH): La produzione di TSH implica una catena di eventi. L'ipotalamo produce un ormone chiamato TRH, che quindi attiva l'ipofisi per rilasciare TSH. Questo ormone ci aiuta a valutare i problemi della ghiandola tiroidea. I problemi alla tiroide possono causare una serie di sintomi oltre a influire sulla fertilità.

Ormone antimulleriano (AMH): i livelli di AMH indicano la crescita di piccoli follicoli nelle ovaie. L'AMH è prodotto direttamente dalle cellule della granulosa nei follicoli ovarici. L'AMH, quindi, è accettato come una misura più accurata delle riserve ovariche rispetto all'FSH. Ciò è particolarmente vero per le donne nelle fasce di età più avanzate. Per i pazienti di età superiore ai 35 anni, i risultati dei test ormonali senza misurazioni dell'AMH non forniranno una valutazione completa del livello di fertilità.

Idealmente, i test ormonali vengono eseguiti il giorno 2 o il giorno 3 del ciclo mestruale per una valutazione accurata. La gamma normale di questi ormoni è la seguente:

Intervallo normale per i test ormonali:

Test Normal Range Unità di misura
FSH 2,9 – 12,0 mUI/ml
LH 1,5 – 8,0 mUI/ml
Estradiolo 18,0 – 147,0 pg/ml
Prolattina 5,0 – 35,0 ng/ml
TSH 0,25 – 5,0 mUI/ml

AMH
< 0,3 ng/ml Livello di fertilità molto basso 0,3 – 1,0 ng/ml Livello di fertilità basso 1,0 – 3,0 ng/ml Livello di fertilità ottimale > 3,0 ng/ml Rischio di PCOS

Si noti che esistono più di una scala di misurazione. Il tuo laboratorio può misurare i tuoi livelli ormonali in ng/ml, pmol/l o mIU/ml o qualsiasi altra scala. Ciò significa che i numeri da soli non avranno alcun senso a meno che il numero non sia dotato di una scala di misurazione. Ad esempio, un livello di AMH di 5 non significherà nulla in quanto un livello di AMH di 5 ng/ml indica un livello ottimale di fertilità, con possibilità di PCOS mentre un livello di AMH di 5 pmol/l indica un livello di fertilità quasi non rilevabile . Inoltre, occorre tenere presente che, anche se le scale di misura e le unità di misura possono essere le stesse, i valori di riferimento forniti dal kit utilizzato presso il proprio laboratorio possono essere diversi dai valori sopra riportati. Dovresti utilizzare i numeri sopra riportati solo a scopo di riferimento e lasciare che i nostri specialisti IVF interpretino ciò che questi numeri suggeriscono per evitare qualsiasi confusione.

Un malinteso comune che alcuni pazienti hanno riguarda il test FSH. Se hai un livello elevato di FSH, questa è un'indicazione di riserve ovariche esaurite. Perché l'FSH da solo non è un parametro sufficiente per la valutazione, se il tuo livello di FSH è elevato oltre il limite di 20 ng/ml, è probabile che tu abbia riserve ovariche abbassate. Vediamo alcuni pazienti che provano medicine alternative e rimedi erboristici per ridurre i loro elevati livelli sierici di FSH. Questa non è una buona strategia. Indipendentemente da ciò che mangi o dai rimedi erboristici che assumi, non puoi far sì che le tue ovaie producano più riserve. Ogni donna nasce con un certo insieme di riserve ovariche e, a partire dalla pubertà, queste riserve diminuiscono di numero ad ogni ciclo mestruale. Se le tue riserve si sono esaurite e il tuo livello di fertilità è diminuito, allora è di vitale importanza iniziare a pianificare il tuo trattamento e richiedere l'assistenza del tuo specialista in fecondazione in vitro per formulare un programma di trattamento adatto alle tue esigenze. Usare medicine alternative ed erbe cinesi in attesa di ripristinare le tue riserve ovariche non ti aiuterà a raggiungere il tuo obiettivo. Tuttavia, una strategia di trattamento ben pianificata lo farà. Tuttavia, alcuni supplementi e alcuni rimedi a base di erbe possono essere incorporati nel protocollo di fecondazione in vitro per aiutare i farmaci per la fecondazione in vitro a lavorare in modo più efficace nel reclutare le "uova migliori" dalle ovaie già impoverite.

2- Ecografia basale: Un'ecografia di base è una scansione eseguita il giorno 2 o il giorno 3 del ciclo mestruale, che è esattamente il momento in cui è necessario somministrare i test ormonali. Pertanto, un solo viaggio nello studio del tuo ginecologo sarà sufficiente per eseguire tutta la tua valutazione preliminare dell'infertilità. I risultati della scansione indicheranno la dimensione delle ovaie, dell'utero, il numero di follicoli antrali e l'aspetto dell'endometrio. Il conteggio dei follicoli antrali indica quanti follicoli sono "pronti" per essere reclutati per l'ovulazione durante il trattamento di fecondazione in vitro. Di solito, una conta totale dei follicoli antrali di 5/6 e oltre è un'indicazione di un livello accettabile di riserve ovariche. Se il numero di follicoli antrali supera i 12 in ciascuna ovaia, la paziente deve essere considerata un potenziale candidato per la PCOS ed esaminata ulteriormente per una corretta diagnosi. La PCO o PCOS può anche essere indicata da un rapporto LH/FH nettamente superiore a un valore medio di 1. Oltre alla conta dei follicoli antrali, l'ecografia ci dà anche una possibilità di valutazione ovarica e uterina. Se c'è un grosso problema nell'utero o nelle ovaie che può interferire con una gravidanza di successo, dovrebbe essere visibile durante questa scansione.

Test di infertilità maschile
Il test di infertilità maschile inizia con un'analisi dello sperma. L'analisi del seme valuterà il campione di sperma rispetto a diversi parametri come numero di spermatozoi, concentrazione, motilità, morfologia, numero di cellule rotonde, pH e così via. Questi parametri saranno indicativi della capacità dello sperma di fecondare l'ovulo. Un'analisi dello sperma produrrà risultati più accurati se viene eseguita dopo 3 o 4 giorni di astinenza (nessuna attività sessuale). Idealmente, non dovresti consumare alcol o prodotti del tabacco in eccesso pochi mesi prima della gravidanza pianificata. I criteri dell'OMS per i valori normali dello sperma sono i seguenti:

Criteri dell'OMS per la valutazione dello sperma
Volume: > 1,5 ml
Concentrazione: >20 milioni/ml (questo è anche indicato come "conta spermatica")
Motilità: > 50% (ulteriormente suddiviso nelle categorie di motilità A, B e C)
Morfologia: >4% con morfologia normale
Globuli bianchi (Celle rotonde): < 1 milione/ml
pH: 7.2-7.8
Questi sono parametri chiave considerati in un'analisi del seme.  Interpretazione dei risultati dell'analisi dello sperma
Ulteriori test possono o meno essere necessari a seconda della tua storia di infertilità, test e / o trattamenti. Mentre i parametri di cui sopra sono i requisiti minimi in un campione di sperma stabiliti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), si riferiscono ai valori normali che dovrebbero essere presenti in un campione di sperma per ottenere una gravidanza naturale attraverso il rapporto. Durante i trattamenti di fecondazione in vitro, lavoriamo spesso con campioni di sperma che hanno un numero di spermatozoi, motilità e morfologia molto inferiori. I campioni di sperma che non soddisfano i requisiti standard stabiliti dall'OMS possono essere classificati come segue:

Oligozoospermia si riferisce al numero di spermatozoi nell'eiaculato che è stato testato essere inferiore ai normali parametri stabiliti dall'OMS. L'intervallo normale del numero di spermatozoi è superiore a 20 milioni/ml, pertanto, gli uomini le cui analisi dello sperma indicano un numero di spermatozoi inferiore a 20 milioni/ml sono considerati appartenenti alla categoria dell'oligospermia (oligozoospermia).

Astenozoospermia si riferisce al campione di spermatozoi la cui motilità è risultata inferiore a 50%. La capacità di movimento dello sperma è direttamente correlata alla sua capacità di nuotare attraverso le vie cervicali, raggiungere le tube di Falloppio e fecondare gli ovociti. Minore è la motilità, minore è la capacità degli spermatozoi di raggiungere e fecondare gli ovuli da soli. Tuttavia, con le tecnologie IVF/ICSI, questo è uno dei fattori di infertilità che possono essere facilmente corretti.

Teratozoospermia si riferisce a un livello ridotto di cellule spermatiche che sono di forma normale. In altre parole, la teratospermia (teratozoospermia) si riferisce a un alto livello di spermatozoi nell'eiaculato che sono considerati "anormali". Queste anomalie possono corrispondere a difetti della testa, della coda o della parte centrale. A seconda dell'anomalia spermatica presente e degli altri parametri dello sperma, alcuni metodi di trattamento come l'ICSI o il Chip microfluidico può fornire una soluzione.

Azoospermia è una condizione caratterizzata dalla totale assenza di spermatozoi nello sperma. L'azoospermia può essere classificata come azoospermia ostruttiva o azoospermia non ostruttiva. A seconda della tua diagnosi, estrazione chirurgica degli spermatozoi metodi possono essere impiegati e può essere effettuato un trattamento di fecondazione in vitro di successo.

Tieni presente che questi sono i test di base eseguiti per valutare il tuo livello di (in)fertilità. Se stai cercando di concepire da più di un anno e non sei riuscita a ottenere una gravidanza, i test menzionati in questa pagina saranno il primo ciclo di test in modo da poter effettuare una valutazione iniziale. Tuttavia, ci sono molti altri test che possono essere eseguiti per rivelare possibili altri problemi di infertilità. Sebbene questa pagina non fornisca un elenco completo di tutti i test di infertilità esistenti, è un'ottima guida per una valutazione iniziale. Con le spese che devono affrontare alcuni dei test di infertilità e la diagnostica per immagini, a volte può essere un'idea migliore procedere con il trattamento di fecondazione in vitro purché i livelli di fertilità indichino parametri accettabili. In fondo, troverai i collegamenti alle pagine che ti indirizzeranno ai fattori che causano l'infertilità femminile, i fattori che causano l'infertilità maschile, come può essere effettuata la valutazione dell'infertilità e come identificare il metodo di trattamento giusto per la tua condizione unica. Per qualsiasi domanda tu possa avere su uno qualsiasi di questi argomenti, ti preghiamo di utilizzare il modulo di contatto qui sotto per contattarci con le tue domande e saremo felici di rispondere.


it_ITItalian