+90-548-885-8000
+90-548-875-8000
mercoledì 28 febbraio 2024

FIVET per donne oltre i 40 anni

Trattamento di fecondazione in vitro per donne over 40 presso North Cyprus IVF

Non è un segreto che uomini e donne sperimentino entrambi un calo del loro livello di fertilità mentre invecchiano.

Tuttavia, questo calo è più pronunciato nelle donne rispetto agli uomini.

Questo perché gli uomini hanno una produzione attiva di sperma all'interno del loro sistema riproduttivo per tutta la vita, mentre le donne nascono con un insieme finito di riserve ovariche, che diminuiscono ad ogni ciclo mestruale.

Questa differenza di fertilità consente agli uomini di generare biologicamente un figlio anche in fasce di età più avanzate mentre diventa molto difficile per le donne concepire naturalmente dopo i 40 anni.

Il diagramma sottostante aiuta a visualizzare il tasso medio di declino delle riserve ovariche di una donna media nel corso della sua vita.

Mentre il declino delle riserve ovariche inizia dopo il menarca (primo periodo mestruale dopo l'ingresso nella pubertà), il tasso di declino diventa molto marcato dopo i 40 anni. Ciò significa che sia il numero che la qualità degli ovociti diminuiscono drasticamente dopo i 40 anni, rendendo è molto difficile per le donne sopra i 40 anni ottenere una gravidanza di successo utilizzando i propri ovociti. Dopo aver raggiunto la menopausa, c'è ancora un numero minimo di uova nelle riserve, ma queste uova non hanno il potenziale per ovulare o generare una gravidanza.

Uno dei fattori chiave quando si considerano le opzioni terapeutiche per le donne sopra i 40 anni è una valutazione efficace della funzione ovarica. Mentre alcune donne possono ancora avere un livello molto elevato di funzione ovarica nei primi anni '40, alcune donne avranno un'attività minima o non rilevabile nelle loro ovaie nella stessa fascia di età. Pertanto, è necessaria un'attenta valutazione per identificare la funzione ovarica esistente al fine di identificare il giusto approccio a un protocollo di trattamento personalizzato che massimizzerà le possibilità di successo. Con ogni persona arriva una storia unica. È della massima importanza che abbiamo una storia dettagliata del tuo background medico in modo da poter comprendere meglio la tua situazione e aiutarti meglio. Sulla base della funzione ovarica, della precedente storia riproduttiva e dei precedenti trattamenti per la fertilità, è possibile utilizzare diversi approcci per diversi gruppi di donne. In questa sezione, parliamo delle possibili opzioni di trattamento della fertilità presso il North Cyprus IVF Center per diversi gruppi di donne in base alla loro funzione ovarica.

Donne di età superiore ai 40 anni con funzione ovarica da normale a ottimale (più di 10 follicoli antrali in totale)

Le donne di 40 anni, che non sono in grado di concepire naturalmente e che hanno ancora un livello di funzionalità ovarica da normale a ottimale, possono sottoporsi al trattamento utilizzando i propri ovociti. Tuttavia, va tenuto presente che le donne sulla quarantina hanno maggiori probabilità di avere fallimenti di impianto e aborti spontanei a causa dell'invecchiamento degli ovociti (ovuli). L'invecchiamento dell'ovocita non solo ne riduce la vitalità, ma influisce anche sull'integrità genetica degli ovociti. Ciò espone le uova a un rischio maggiore di difetti genetici che causano sia fallimenti di impianto che aborti prematuri. È stato anche dimostrato che le donne sopra i 40 anni hanno maggiori probabilità di avere un figlio geneticamente anomalo quando portano a termine una gravidanza di successo. Tutto ciò significa che ci sono rischi associati alla maternità di un figlio biologico dopo i 40 anni.

Sebbene adottiamo ulteriori misure precauzionali per contribuire all'impianto dell'embrione, ha senso considerare lo screening genetico preimpianto come un metodo di selezione dell'embrione. Screening genetico preimpianto attraverso Sequenziamento di nuova generazione può aiutare a eliminare l'aneuploidia cromosomica, le traslocazioni e il mosaicismo. Selezionando embrioni privi di queste malattie genetiche, possiamo ridurre al minimo il rischio di anomalie genetiche nel tuo bambino.

Donne con funzione ovarica normale (più di 10 follicoli antrali in totale tra le due ovaie) che hanno subito una serie di fallimenti di fecondazione in vitro utilizzando i propri ovociti

Questo gruppo di donne è diverso dal gruppo precedente nel senso che hanno già subito un certo numero di cicli di fecondazione in vitro con i propri ovociti e nonostante abbiano un livello normale di funzione ovarica, hanno avuto esiti negativi del ciclo a causa di problemi di fecondazione o di impianto dell'embrione . Se le condizioni uterine sono favorevoli e non ci sono altri problemi evidenti, la qualità degli ovociti diventa il principale sospettato. Quando una donna ha un livello accettabile di risposta all'iperstimolazione ovarica controllata (più di 3 ovociti di qualità M2), ma questi ovociti non riescono a fertilizzarsi o non riescono ad impiantarsi nonostante una fecondazione riuscita, si possono prendere in considerazione approcci alternativi. Questi possono essere:

1- Protocollo dell'ormone della crescita umano volto a migliorare l'integrità genetica degli ovociti. Per ulteriori informazioni sui nostri protocolli per l'ormone della crescita umano, consulta il nostro articolo sul blog studi sull'ormone della crescita umano durante il trattamento di fecondazione in vitro.

2- Se l'invecchiamento degli ovociti è la considerazione chiave, Trasferimento embrionale citoplasmatico può aiutare a migliorare i livelli di energia cellulare delle uova, consentendo loro di mantenere la normale funzione e diventare più vitali per la fecondazione.

Queste due opzioni possono anche essere combinate per assistere l'ovocita da entrambe le angolazioni, aumentando la probabilità di successo della fecondazione e quindi dell'impianto e della gravidanza.

Donne con riserve ovariche basse (tra 4 e 10 follicoli antrali in totale tra le due ovaie)

Quando la funzione ovarica è diminuita e il livello delle riserve nelle ovaie è sceso a bassi livelli di fertilità, il successo della fecondazione in vitro con l'utilizzo di propri ovociti diventa meno probabile. Questo gruppo di donne viene solitamente definito "poor responder". Mentre si possono tentare diversi protocolli di trattamento della fecondazione in vitro e si possono utilizzare marche e dosaggi di farmaci alternativi con la speranza di massimizzare la risposta ovarica, c'è un limite a ciò che i protocolli terapeutici possono ottenere. Realisticamente parlando, anche i protocolli di trattamento più attentamente progettati non genereranno un risultato desiderato semplicemente perché le riserve ovariche sono insufficienti. In tali casi, l'obiettivo dovrebbe essere quello di massimizzare sia la qualità che la quantità di ovociti da ottenere. L'aspetto qualitativo può essere affrontato utilizzando misure raccomandate per i suddetti gruppi di donne. Tuttavia, tentare un ciclo di fecondazione in vitro dopo i 40 anni con un risultato di 1 o 2 ovuli non è uno scenario che promette successo. Se hai avuto un'esperienza simile con i tuoi precedenti cicli di fecondazione in vitro in cui la tua procedura di recupero degli ovuli ha prodotto 1 o 2 ovuli di qualità M2, che non erano sufficienti per un numero e una qualità ottimali di embrioni per un trasferimento embrionale di successo, allora il raggruppamento degli embrioni può essere un'opzione .

Il batch di embrioni è uno speciale programma di trattamento di fecondazione in vitro sequenziale in cui eseguiamo un numero di prelievi di ovociti a distanza di 3 mesi, creiamo embrioni utilizzando i protocolli ICSI standard o, idealmente, utilizzando trattamento IVF citoplasmatico, e una volta che abbiamo un numero desiderato di embrioni, possono essere tutti incubati fino allo stadio di blastocisti del giorno 5, sottoposti a screening genetico per anomalie genetiche e quindi possono essere identificati embrioni sani per un trasferimento di embrioni, massimizzando le possibilità di successo dati i vincoli imposti dal declino livelli di riserve ovariche.

Donne con riserve ovariche molto ridotte (meno di 3 follicoli antrali e livelli di AMH inferiori a 0,1 ng/mL)

Se le riserve ovariche sono molto esaurite e ciò è evidenziato anche da un basso livello di AMH e da un basso numero di follicoli antrali, allora le prospettive di ottenere ovuli vitali per un ciclo di fecondazione in vitro di successo sarebbero molto improbabili. Mentre possiamo fare del nostro meglio e progettare un protocollo di trattamento per ottimizzare la tua risposta, è altamente improbabile ottenere ovociti di qualità fertilizzabile. In questi casi, la nostra raccomandazione sarebbe quella di optare per Trattamento di fecondazione in vitro con ovociti donati. L'utilizzo di ovociti donati può offrire una possibilità di successo fino a 80%. Se non sei ancora pronto a prendere in considerazione l'utilizzo di ovuli di donatore, allora il batch di embrioni può essere un'opzione purché ci sia almeno un embrione che può potenzialmente raggiungere lo stadio di scissione (totale di 8 cellule al terzo giorno di sviluppo). Potrebbero essere necessari diversi tentativi per ottenere un numero sufficiente di embrioni da coltivare allo stadio di blastocisti e per eseguire lo screening genetico.

Con i recenti progressi tecnologici nel campo dell'infertilità, i nostri specialisti della fecondazione in vitro ora offrono il "ringiovanimento ovarico" tramite iniezione di plasma ricco di piastrine nelle ovaie. Anche se questa è ancora una tecnologia nuova di zecca e ci sono solo informazioni molto limitate sul suo successo, è relativamente priva di effetti collaterali e il costo del trattamento è minimo. Pertanto, se sei una donna sopra i 40 anni con una funzione ovarica molto ridotta e non sei ancora pronta a rinunciare ai tuoi ovociti, il nostro programma di ringiovanimento ovarico potrebbe essere per te.

Per favore Contattaci per maggiori informazioni.

it_ITItalian